Charles Bettelheim

Le lotte di classe in URSS

II. 1923-1930

Informazioni
Collana: Il Filorosso
2024, 486 pp.
ISBN: 9788868025410
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 22,00  € 20,90
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Il secondo volume di Le lotte di classe in URSS analizza gli anni compresi tra la morte di Lenin e l’ascesa dello stalinismo. La lucidità con cui i bolscevichi analizzano i fallimenti del comunismo di guerra portarono alla NEP, funzionale al rafforzamento dell’alleanza tra operai e contadini. Nel partito si fanno progressivamente strada gli interessi dei dirigenti d’impresa sovietici favorevoli a una rapida industrializzazione del paese, di cui deve pagare il conto la campagna. Le politiche della NEP, sostenute fino alla sua morte da Lenin, vengono progressivamente indebolite e superate dagli indirizzi della lotta di classe in URSS che si riflettono anche nei cambiamenti all’interno dell’ideologia dei bolscevichi, sempre più favorevoli allo sviluppo industriale accelerato del paese. Queste trasformazioni confluiranno nella grande svolta del 1929, ovvero la rivoluzione dall’alto dello stalinismo che aprirà le porte all’affermazione definitiva del capitalismo di stato sovietico.

Charles Bettelheim (1913-2006), economista e storico francese, direttore dell’École Pratique des Hautes Études e professore all’Institut d’Études du Développement Économique et Social. Negli anni ’50 e ’60 Bettelheim lavorò all’estero come consulente economico in molti paesi del Terzo Mondo. Negli anni ’60 si avvicinò al maoismo. In italiano sono stati pubblicati molti suoi lavori, tra cui Calcolo economico e forme di proprietà.