Vladimir Lenin

L'emancipazione della donna

Informazioni
Collana: Antropologia & Storia
2024, 122 pp.
ISBN: 9788868025342
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

“La situazione della donna è tuttora quella di una schiava; la donna è schiacciata dal lavoro domestico e può trovare la sua liberazione soltanto nel socialismo”. Il pensiero di Lenin sulla “questione femminile” si è andato precisando nel corso della sua attività teorica e pratica di rivoluzionario a partire dai primi scritti della fine dell’Ottocento fino ai colloqui con Clara Zetkin poco prima della morte. La raccolta di scritti confluiti in L’emancipazione della donna e introdotti dal saggio di Valeria Finocchiaro copre periodi diversi, prima e dopo la rivoluzione, ma mostra anche un’evidente continuità di concezione. Lenin vi affronta tutti i temi centrali della “questione”, dal lavoro domestico al divorzio, dalla prostituzione alla parità di diritti alla libertà dell’amore, cogliendo però sempre il legame costante che intercorre fra emancipazione della donna e battaglia per il socialismo.

Vladimir I. Lenin (Simbirsk 1870 - Gorki, 1924), soprannome del rivoluzionario, politico e teorico marxista russo. Fondatore del Partito Comunista Russo (bolscevico), fu tra gli ispiratori e leader della Rivoluzione russa. Fu poi alla guida della Repubblica russa, rinominata nel 1922 Unione Sovietica, fino alla morte nel 1924.